Da quest'anno verrà inserito anche un coso di Sandà, ovvero boxe cinese, che coniuga in un mix di potenza e agilità, le tecniche del Kung fu e quelle della boxe. Si stratta di un'arte marziale da combattimento estremamente efficace e completa, ove è previsto l'uso di ogni parte del corpo, dai pugni ai calci, dalle ginocchiate alle gomitate. A dispetto di quanto possa sembrare, non è uno sport aggressivo o pericoloso, anzi, disciplina, rigore, rispetto delle regole e soprattutto dell'avversario costituiscono parte integrante e fondamentale di quest'arte oggi praticata a livello mondiale. L'apprendimento delle basi è essenziale e già questo cosituisce un ottimo bagaglio di tecniche di autodifesa. Tale disciplina, come tutte le arti marziali, permette di raggiungere una maggiore consapevolezza delle proprie capacità sia fisiche che mentali, oltre guadagnare in potenza, elasticità, scioltezza ed agilità.